Tokyo in 10 mosse

Siete a Tokyo e avete poco tempo per visitare una città così complessa e straordinaria? Ecco in dieci mosse che cosa fare nella capitale del Giappone senza farvi prendere dal panico e dall’indifferenza dei suoi abitanti. Sappiate che non è vero che i Giapponesi si infastidiscono se vedono i turisti: provate a perdevi a Roppongi oppure a Akhabara e vedrete che saranno gli stessi locali a tirarvi fuori dalle secche.  Dovete armarvi di pazienza ed essere pronti ad alzarvi all’alba. Anzi no molto prima.

Ore 04:00 Mercato del pesce             di Tsukiji

L’asta per la scelta dei tonni

E’ una delle esperienze più affascinanti, ma dovete alzarvi molto presto e adesso vi spiego perché. Questo è il mercato più grande del mondo dove i tonni arrivano da ogni angolo della terra (anche dall’Italia) e sono venduti a prezzi da capogiro: un pesce può costare anche 20mila euro. Ma non ci sono soltanto i tonni, pensate che arrivano ogni giorno più di 2500 tonnellate di pesce. Ogni mattina viene fatta l’asta e si può assistere se si è tra i primi 120 che si presentano al mercato entro le 4 del mattino. Non ci si può prenotare in anticipo quindi dovete farvi trovare sul posto. Se riuscirete a superare questa prima barriera si avrà la possibilità di assistere all’asta alle 5 e alle 5:30. Non costa nulla, ma ormai il mercato del pesce è diventato un’attrazione turistica e troverete tante persone al mattino a fare la fila davanti ai negozietti di pesce che già all’alba preparano il sushi per gli avventori.  Il mercato del pesce si trova nella zona centrale di Tokyo al quartiere di Ginza, entroil 2015  verrà traslocato alla baia di Tokyo in una nuova area bonificata ma perderà il fascino che ha ora.5405 5350

Quindi se avete la possibilità andate a vederlo, fatelo: se siete fuori la sera potete fare una no stop oppure prendere un taxi al mattino perché a quell’ora non ci sono metro. Anche se non arrivate per l’asta potete girare nella parte esterna del mercato (quello generale apre al pubblico alle 09:00) piena di negozietti e di kioschetti che preparano al momento sushi, uramachi, rame, sopa, tempura vere specialità che potete degustare al momento. Davanti ai kioschetti più famosi potete trovare decine di turisti che attendono di fare colazione a base di pesce fresco. Ma non vi fate impressionare: anche gli altri posti sono sicuri è sufficiente accertarsi che siano frequentati dai locali.

ORE 08:00   Templi e preghiere           il Senso-ji

Dopo questa levataccia il prossimo obiettivo è il tempio di Senso-ji considerato la casa spirituale dei suoi antenati oltre ad essere il tempio più antico della città fondato mille anni prima della comparsa di Tokyo.  Dal mercato del pesce a Ginza sulla stessa linea della metro fino alla stazione di Asakusa, uscita 1. Affrontare la metro a Tokyo è un esercizio spirituale Zen. Per chi ha consultato le piantine delle metro di tutto il mondo, vedere quella di Tokyo mette l’ansia.20150305_153344

E’ una rete infinita di linee di tutti i colori, fino a dieci anni fa con le indicazioni soltanto in giapponese. Impossibile da affrontare. In questa operazione di apertura al mondo esterno che lo stesso governo sta sostenendo per incentivare il turismo, ora le stazioni sono anche in inglese. Per potere girare comodamente ci sono delle tessere ricaricabili che possono essere utilizzate anche per piccolo acquisti come le bevande alle macchinette. Attenzione a quello che buttate: a Tokyo non esistono i cestini della spazzatura perché non sono considerati eleganti e la raccolta differenziata è una cosa seria

Cogliere lo spirito giapponese è molto difficile: se visitate i suoi templi 5566 5555qualcosa potete capire. Ad esempio si rivolgono al tempio per ogni necessità di studio di lavoro, di amore. Queste bandiere rosse ad esempio sono state collocate davanti ad un tempietto per chiedere agli Dei di avere successo nel lavoro e nel business. In Giappone convivono diverse religioni le più importanti quella buddista e quella shintoista. Troverete entrambi i templi e presto riuscirete a riconoscerli per come i fedeli approcciano il tempio. E’ un complesso maestoso,pieno di suggestioni, i fedeli rincorrono il fumo dei rametti di incenso nelle censiere perché secondo la tradizione il fumo dell’incenso dona salute.5569

Tra templi e pagode si snoda la via dello shopping piena di gente a tutte le ore e dove si può fermarsi per riposare e degustare i biscotti di pasta di riso ripieni di crema di fagioli rossi ,iTaiyaki fatti al momento. Non perdetevi il rito degli omikujii i bigliettini con l’oracolo della fortuna: davanti all’edificio principale scuotete il barattolo di argento ed estraete un bastoncino, leggete  il numero, poi prendete il foglio con l’oracolo nel cassetto corrispondente: se la predizione è negativa potete “salvarvi” legando il bigliettino alla rastrelliera, chiedete agli Dei di avere maggiore fortuna e tentate di nuovo la sorte.

5583

5570

Ore 10:00 Vedere Tokyo dall’alto 

Se vi siete rifocillati e entrati un po’ nel clima giapponese è ora di vedere la città dall’alto. Siete nel quartiere di Asakusa più tradizionale con grattacieli e centri commerciali che si snoda lungo il fiume per poi immettersi nella baia. Salite sul taxi e fatevi portare alla Tokyo Tower non lontano dal tempio.In lontananza vedrete una torre già conosciuta quella di Parigi la famosa Torre Eiffel: ebbene a Tokyo ne hanno costruita una simile ma ancora più alta di circa dieci metri e i Giapponesi ci vanno molto fieri. Nella foto si può vedere uno scorcio della parte est con il World Trade Center, il Toshiba building, il Rainbow bridge e il Fuji Tv. In cima anche un piccolo tempio shintoista per chiedere agli dei successo nell’amore e negli esami, infatti è pieno di studenti, così in alto gli Dei potranno ascoltare meglio. ll costo per salire sul primo piano della Tokyo Tower è di 820 yen mentre per salire all’ultimo piano si pagano 1420 yen. Se eventualmente non volete spendere soldi per vedere il panorama, visitate la mia guida alle attrazioni di Tokyo gratis, in cui vi invito a guardare il panorama dal Tokyo Metropolitan Government Office.

5511

5473

Ore 12:00 Una passeggiata nel parco tra templi e gallerie d’arte

Per il pranzo portatevi fino al parco di Ueno dove potrete trovare di tutto come degustare una tempura o un sushi davanti a uno dei numerosi templi che si snodano nel più antico parco della città, cuore culturale di Tokyo. Qui potete passeggiare tra i templi buddisti e shiontoisti, tra pagode ma anche visitare gallerie d’arte come il Museo nazionale di Tokyo. Il parco si trova all’uscita della metro JR Ueno; qui un kiosco dell’ufficio del turismo potrà fornirvi una mappa del parco.

Museo nazionale di Tokyo

Museo nazionale di Tokyo

E’ un posto che non ti aspetti tra modernità e tradizione: qui è concentrato un gran numero di musei (Museo Nazionale di arte occidentale, Museo nazionale di della natura e della scienza, Museo metropolitano di arte di Tokyo) fino al Museo Nazionale di Tokyo che racchiude la maggior collezione di arte nipponica del mondo: si può scoprire l’arte misteriosa del te, conoscere qualcosa in più dei samurai e della corte imperiale. Un viaggio nei secoli in una cultura a noi così lontana.Lo Ueno-Koen è attraversato da sentieri che si snodano tra templi, santuari, laghetti di ninfee uno zoo, Il parco ha la fama di essere il luogo per eccellenza per lo hanami la contemplazione dei ciliegi in fiore che sbocciano ogni anno attorno alla fine di marzo. E’ una mania quella dei  giapponesi per i cherry trees: esistono siti  web in grado di prevedere la fioritura degli alberi n ogni zona del Giappone: quest’anno la data fatidica è fissata il 26 marzo.

d594e-cherryblossomlakesakura-japan

Ore 16:00 Shopping a Ginza 

Prima di buttarvi nello shopping sfrenato della quinta strada giapponese ovvero Ginza fermatevi a Uedo a degustare qualche specialità locale a base di pesce o carne. Nel parco potrete trovare ristorantini dove degustare la Sopa (tagliolini di grano saraceno serviti caldi o freddi), yachitori (spiedini di carne), l’unagi (l’anguilla) servita in una miriade di modi. All’uscita del parco potete ritornare alla metro e prendere la direzione per Ginza. Ci sono diverse opzioni la linea Ginza (gialla) oppure la JR per Yurakucho.

5599

A Ginza potete sbizzarirvi: dai negozi tradizionali dove apprendere l’arte del riso o acquistare un bonsai, ai brand del lusso molti dei quali italiani. Armani ad esempio ha un intero palazzo disegnato dall’architetto Fuksas. Ci sono grandi mall generalisti oppure dell’high tech come Big camera: entrare sembra di essere parte di una scena del film Blade Runner. E poi ci sono le marche low cost che con la crisi fanno furore come Uniclo e Muji. Tutti corrono qui a Ginza e tutti vi sorridono si inchinano con una cordialità imbarazzante. In effetti hanno ragione a considerarci degli incivili. Per una pausa potete scegliere il Café Kinohana frequentato da John Lennon e Yoko Ono.

20150305_164714 (1)

Tweatro Kabuki in Ginza

Tweatro Kabuki in Ginza

Café Kinohana dove andavano John Lennon e Yoko Ono

Café Kinohana dove andavano John Lennon e Yoko Ono

Annunci

3 thoughts on “Tokyo in 10 mosse

    • scusa il ritardo grazie mille mi piace scrivere quando vado in viaggio l’ho sempre fatto nei miei taccuini potere condividere sensazioni è davvero una esperienza speciale, grazie ancora Mara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...