Vendicari, una riserva tra i fenicotteri rosa


Se volete provare l’ebrezza del deserto pur stando in Italia la migliore destinazione è la Riserva di Vedicari, in provincia di Noto (Sicilia) . Caldo torrido, vegetazione inesistente, terreno sabbioso, colori giallo ocra che diventano rossi al tramonto. A nulla serve buttarsi in acqua perché quando si esce in pochi secondi la salsedine dell’acqua marina diventa la seconda pelle e acqua dolce per lavarla via non esiste. L’estate del 2017 sarà ricordata come la più calda, ma a Vendicari lo è stato ancora di più.

La riserva è un angolo meraviglioso, tra la roccia e il mare, istituita nel 1984 in quella che un tempo erano le saline, oggi diventata una zona umida, tra dune e mare, dove tornano regolarmente a nidificare i fenicotteri rosa, la cicogna, l’airone, il cavaliere d’Italia, il gabbiano rosso. Si possono osservare all’alba e al tramonto quando i colori sono meno accessi e più sfumati. Le due spiagge più famose Calamosca e Martinelli sono completamente invase da turisti e ombrelloni di tutti i colori: l’acqua è cristallina e naturalmente calda. Se avete la forza di spingervi fino alla spiaggia Martinelli non ve ne pentirete: qui si pratica il nudismo e anche per questo è meno affollata e l’acqua è ancora più trasparente.

Sappiate che dall’entrata principale della tonnara, la spiaggia dista sette chilometri, non c’è possibilità di acquistare acqua e non ci sono chioschi. Attrezzatevi altrimenti rischiate di disidratarvi. Arrivando da Catania non è difficile trovare la riserva che è raggiungibile solo in auto: lungo la superstrada si supera Siracusa e all’altezza di Noto si trovano le indicazioni per la riserva e volendo anche per Calamosche raggiungibile senza passare dall’entrata principale.

Il punto di informazioni è un capanno all’ingresso principale (potete anche organizzare una visita guidata ambientale anche in bici, linocaruso90@live.com), l’entrata è gratis. Il primo segno distintivo è il capanno di osservazione degli uccelli dove al tramonto si possono scorgere colonie di fenicotteri rosa. Una volta raggiunto l’arenile si può procedere verso Nord o verso Sud. Nel primo caso muovendosi tra il sentiero e il pantano si incontrano la Torre Sveva, la Tonnara, il centro visitatori dove è ricostruita la storia della Riserva.

Il percorso costeggia la costa rocciosa e poco fruibile anche a causa della posidonia che ha invaso molti tratti della spiaggia.

Proseguendo verso Nord si trova un altro punto di osservazione (14 minuti) l’ultimo primo di affrontare l’attraversata che porterà a Calamosche. Con una deviazione di 18 minuti di raggiunge l’ingresso Calamosche mentre proseguendo lungo il percorso si raggiunge l’arenile Martinelli (altri 10 minuti).

Se invece ci si sposta verso sud, immersi nella vegetazione a macchia di ginepro, tra il litorale e le rive dei pantani di Roveto e Sichilli, si incontrano la Foce del pantano Sichilli con un punto di osservazione sul pantano omonimo fino all’ingresso Cittadella (30 minuti). Un’alternativa è entrare direttamente a Nord a Eloro nei pressi dell’area archeologica, meno segnata e difficile da individuare: procedendo verso sud si raggiungono l’arenile di Stampace, la foce del fiume Tellaro (5 minuti), gli arenili Martnelli e  Calamosche (20 minuti) e lungo la costa proseguendo verso sud i percorsi già descritti.

All’uscita ad aspettarvi il carretto dell’acqua ghiacciata e delle bibite. Non perdete l’occasione di gustarvi una granita al limone al Baglietto (0039 327 0124519)  un agritursimo dove fermarsi anche a mangiare qualche piatto tipico. 

La stagione migliore per la visita è in autunno e godere della spiaggia di Vendicari meno affollata ma con l’acqua marina ancora calda: a Natale si può fare ancora il bagno. La Riserva di Vendicari è una delle meraviglie della Sicilia insieme alla Riserva dello Zingaro sull’altro versante verso Trapani, meraviglie della natura da salvaguardare con tutti i mezzi e tutte le forze.

20170819_131324 (1)

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...